• Il Gruppo Generali persegue un obiettivo di crescita di lungo periodo, integrando la sostenibilità nel proprio core business e agendo quale Partner di vita degli stakeholder.

• Gli impegni per la sostenibilità costituiscono un pilastro delle priorità di business del Gruppo, essendo tra l’altro pienamente integrati nella politica interna sulla remunerazione e nei sistemi di incentivazione, nell’ottica di creare un valore sostenibile di lungo periodo.

• Il sistema di incentivazione dei top manager di Gruppo si basa su un approccio meritocratico e su un orizzonte pluriennale che integra gli obiettivi strategici di sostenibilità/ESG* già resi noti al mercato, relativi alla strategia Generali 2021 e alla Strategia sul cambiamento climatico. Tale sistema prevede la combinazione di una remunerazione variabile annuale in denaro e una remunerazione variabile differita basata su azioni. Nel dettaglio:

• almeno il 20% della remunerazione variabile annuale in denaro dei top manager di Gruppo è legata a obiettivi e KPIs ESG*, quali: People (es. Diversity & Inclusion Index), Brand & Lifetime Partners (es. relationship Net Promoter Score) e Sostenibilità (es. % di crescita in investimenti green e sostenibili; % di crescita in prodotti green e sociali, sviluppo sociale della comunità attraverso The Human Safety Net/Ora di Futuro);

• la remunerazione variabile differita sotto forma di azioni rafforza il legame con la creazione di valore sostenibile di lungo termine.

• La politica di remunerazione del Gruppo Generali prevede l'integrazione dei rischi di sostenibilità nei processi decisionali di investimento, coerentemente con quanto previsto dalla specifica regolamentazione interna.

• Il continuo miglioramento del legame tra sostenibilità e remunerazione rappresenta un obiettivo primario del Gruppo Generali.

* Key Performance Indicator che tengono conto dei fattori ESG - Environmental Social Governance - ovvero gli aspetti di natura ambientale, sociale e di governance aziendale.