L'accesso ai servizi sanitari è sempre cruciale per il benessere delle persone e delle famiglie e lo è diventato ancora di più in questi mesi di emergenza sanitaria. Il  XXIII Rapporto PiT Salute di Cittadinanzattiva  del 2020 ha fotografato la percezione degli italiani sul Servizio Sanitario Nazionale. Proprio l'accesso ai servizi, per il 25,4% degli intervistati, resta la problematica maggiore, con le liste d'attesa, 75%, quale incubo principale.
La pandemia ha accelerato molti cambiamenti che erano in atto, nella direzione di  fornire alle persone assistenza e accesso ai servizi medici e sanitari più personalizzati. Una rivoluzione in cui la tecnologia diventa il fattore abilitante.

Tecnologie come internet delle cose, intelligenza artificiale, big data, blockchain, dispositivi  wereables , piattaforme e tutti gli strumenti che favoriscono l'acquisizione e lo scambio di dati offrono una continuità di assistenza che può  migliorare i risultati di salute , favorendo l'accelerazione delle diagnosi, delle decisioni terapeutiche e del mantenimento. Oltre ad aumentare la sostenibilità del sistema sanitario ed estendere l'accesso alle cure a fasce più ampie di popolazione.

Il welfare aziendale conviene a tutti

Un aspetto importante delle  strategie di sviluppo del benessere dei cittadini  e dei servizi sanitari passa dalla promozione del dialogo tra sistema pubblico e imprese. Oggi, infatti, il processo innovativo tende sempre più a svilupparsi in rete, coinvolgendo pubblico e privato.

In particolare,  le imprese sono oggi chiamate a svolgere un ruolo centrale e di maggiore responsabilità  nei confronti del contesto sociale in cui operano e dei propri dipendenti. Non è solo una questione etica, ma anche di risultati, quantificabili nella maggiore capacità di attrarre e trattenere i migliori talenti.

Per questo, sempre più aziende, ad esempio, offrono ai propri dipendenti la possibilità di accedere a consulti medici a distanza, ma anche veri e propri programmi di mantenimento della salute dedicati a tutta la famiglia. È il cosiddetto  welfare aziendale che, sfruttando il potenziale delle nuove tecnologie, punta a fornire un segno concreto di vicinanza e attenzione alla salute, fisica e psicologica, del dipendente e del suo intero nucleo.

Secondo il  Rapporto 2020 - Welfare Index PMI , la crisi sta cambiando la cultura di gestione dell'impresa: il 91,6% delle PMI ha infatti dichiarato di avere acquisito più consapevolezza dell'importanza della salute e della sicurezza dei lavoratori e oltre il 70 % ha detto che in futuro il welfare aziendale avrà maggior rilievo .

Il rapporto conferma anche che le PMI con un benessere più maturo hanno avuto maggiore capacità di reagire all'emergenza e sono state punto di riferimento per la comunità. In altre parole,  il welfare fa crescere l'impresa in termini di produttività e occupazione.

Le aziende si affidano quindi in sempre più esperti esterni , in grado di fornire servizi di welfare innovativi ed integrati. La salute viene tutelata principalmente con l'attivazione di tre grandi aree di digitalizzazione:

  • Teleconsulto. Servizi di teleconsulto H24 7 giorni su 7 grazie ai quali le persone possono parlare al telefono o in video con un medico, ricevere indicazioni terapeutiche, essere indirizzate verso uno specialista, ottenere la prescrizione di un medicinale da ritirare nella farmacia più vicina.
  • Innovativi portali di Welfare . Portali dedicati alla salute e al benessere con contenuti editoriali e video sugli stili di vita. Si possono trovare consigli sulla nutrizione, esercizi di  stretching  per gli  smart workerswebinar  sui disturbi del sonno o il respiro, attività fisiche in  streaming  con  trainer  professionisti e campioni dello sport. Inoltre è sempre maggiore l'interesse delle aziende nell'offrire percorsi di prevenzione personalizzati sulla base delle specifiche esigenze delle persone.
  • Telemedicina Si tratta di un insieme di strumenti e processi innovativi per la comunicazione a distanza tra medico e paziente. La telemedicina agevola l'erogazione di servizi sanitari, dalla diagnosi alla terapia, fino ai controlli a distanza.

Welion di Generali Italia facilita l'accesso alle strutture sanitarie con una gestione  semplice del benessere aziendale , proponendo servizi di prevenzione della salute In collaborazione con start-up che supportano l'educazione un Stili di vita sani. Un  nuovo welfare aziendale supportato dalle tecnologie  porta vantaggi sia ai dipendenti che alle imprese.